PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

lunedì 14 giugno 2010

Conosciamo meglio il Sassuolo
07.12.2009 13:17 di Rosario Ligato   articolo letto 162 volte
Emiliano Salvetti, giocatore simbolo del Sassuolo
Emiliano Salvetti, giocatore simbolo del Sassuolo
Gentilissimi lettori di tuttoreggina.com buongiorno. Galvanizzati dalla vittoria sul campo di Ascoli, ci tuffiamo tutti insieme nell'imminente incontro che si disputerà domani alle ore 15 allo stadio "Granillo" di Reggio Calabria nonchè la città dei Bronzi di Riace e dal chilometro più bello d'Italia.

Reggina - Sassuolo è il recupero della 14° giornata che si è disputata il 15 novembre e che è stata rinviata per gli impegni dei loro calciatori con le rispettive nazionali. Sarà una partita di fondamentale importanza per la Reggina che, con una vittoria, si porterebbe a 22 punti in classifica. Una Reggina che giocherà di nuovo tra le mura amiche nel prossimo turno di campionato che si diputerà lunedì 14 dicembre alle ore 20:45 contro la Triestina di Mario Somma.

Sicuramente, la vittoria al "Del Duca" ha portato un pò di ottimismo in tutto l'ambiente amaranto, ma non possiamo vivere sugli allori, le insidie sono dietro l'angolo e l'ostacolo numero uno in questo momento si chiama Sassuolo. Quest'ultima, è un avversaria davvero temibile, staziona a 25 punti, conquistati con 6 vittorie e 7 pareggi, le sconfitte sono state solo 3: in casa contro Piacenza e Grosseto, mentre in trasferta i neroverdi hanno perso solo una volta, 3 -1 a Brescia il 22 settembre di quest'anno.

L'allenatore degli emiliani prende il nome di Stefano Pioli, un tecnico molto competente e che, in passato, è stato cercato anche da Lillo Foti per guidare la Reggina. Pioli ha allenato molte squadre, tra cui: Salernitana, Modena, Parma, Grosseto e Piacenza, da quest'anno siede sulla panchina dell' US Sassuolo. Una società da ammirare, presieduta ottimamente da Carlo Rossi che, insieme al ds Carlo Rossi, hanno creato una squadra che, ormai da qualche anno, sta dando tante soddifazioni ai suoi tifosi. Non dimentichiamoci che la città di Sassuolo non è di certo una metropoli con i suoi 42 mila abitanti, una città che dista solo 17 km da Modena.

L'US Sassuolo è una squadra che si affaccia alla serie cadetta solo da 2 anni, nella sua storia si contano 16 partecipazioni in serie C e tanti campionati dilettanti. L'allenatore dei sassolesi è un tecnico moderno, in linea con i tempi. Nella sua carriera ha cambiato molti moduli di gioco, dal 3 4 1 2 di Grosseto, al 4 3 1 2 di Piacenza, passando per il 4 2 3 1 di Parma. Quest'anno, sta facendo giocare la sua squadra con un 4 3 3 molto dinamico, la rosa a sua disposizione è sicuramente di qualità con buone individualità, su tutti: Zampagna (che però è infortunato), Noselli, l'eterno Salvetti, il regista Magnanelli e i difensori Polenghi e Minelli.

Contro la Reggina saranno assenti per infortunio Donazzan, Rea e Zampagna, mentre hanno recuperato dai rispettivi infortuni sia Martinetti che Filkor. Il tecnico Pioli, dopo la bella vittoria di sabato scorso, riproporrà la stessa formazione che ha battuto il Padova al "Braglia". A difendere la porta dagli assalti della Reggina ci sarà BRESSAN, portiere ex Arezzo, battuto 16 volte quest'anno. In difesa scenderanno in campo: l'ex leccese POLENGHI a ricoprire il ruolo di terzino destro, un giocatore universale, abile nel gioco aereo; i due centrali difensivi saranno: il giovane svizzero ROSSINI che da qualche partita ha scalzato il più esperto PICCIONI, l'altro centrale sarà l'ex Triestina MINELLI, un ottimo difensore che vanta 10 presenze in serie A; a sinistra giocherà il giovane BIANCO, un esterno che ha esordito in serie B la scorsa stagione nell'Empoli.

La mediana è il reparto più forte della compagine sassolese, ne fanno parte giocatori del calibro di SALVETTI, elemento di qualità e spessore, fortissimo negli inserimenti, abile con i piedi, grande visione di gioco. Davanti alla difesa si piazzerà MAGNANELLI, un ottimo regista, punto fermo della squadra di Pioli. Il cacciatore di palloni sarà l'ex Piacenza RICCIO, elemento dall'esperienza indiscussa che cercherà di alzare un muro davanti alla difesa dei neroverdi. L'altro stantuffo di centrocampo, alias FUSANI, partirà dalla panchina.

In avanti, assente Zampagna, tutto il peso dell'attacco sarà retto da NOSELLI, bomber di razza, autore di 6 gol in queste prime 16 partite disputate, ai lati dell'ariete di Udine ci saranno: MASUCCI a destra che vincerà il ballottaggio con Quadrini, il primo è un giocatore discreto, autore di 3 gol stagionali, ma che, sicuramente, non copre il vuoto lasciato in avanti da Zampagna. L'esterno sinistro del tridente d'attacco di Pioli sarà GORZEGNO, un terzino dirottato in avanti per garantire maggiore copertura sulla fascia sinistra, giocherà a supporto del giovane Bianco e di Salvetti.

Partiranno dalla panchina elementi di valore come l'attaccante MARTINETTI, in gol già 4 volte quest'anno, e l'ex Treviso QUADRINI che sarà in ballottaggio fino alla fine con Masucci per una maglia da titolare. Come potete notare, il Sassuolo è una bella squadra, molto compatta e con una difesa di ferro, solo il Brescia è riuscito nell'impresa di vincere contro un Sassuolo edizione trasferta. Un avversario da prendere con le molle. Buona partita a tutti.

Probabile formazione (4-3-3) Bressan; Polenghi, Rossini, Minelli, Bianco; Riccio, Magnanelli, Salvetti; Masucci, Noselli, Gorzegno. All: PIOLI.  L'Arbitro dell'incontro è il signor GERVASONI

Nessun commento: