PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore. Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole. Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

lunedì 14 giugno 2010

La scheda di Gaetano De Rosa
12.10.2009 12:55 di Rosario Ligato   articolo letto 259 volte
Gaetano De Rosa con la casacca del Genoa
Gaetano De Rosa con la casacca del Genoa
Nato centrocampista, scopre ben presto di dare il meglio di se nel ruolo di regista difensivo. Libero doc, sia in difese schierate ad uomo che a zona, non solo dirige sapientemente la difesa ma spesso ispira, con i suoi lanci, il gioco dell' intera squadra. Sa essere letale quando si sgancia in avanti per andare a concludere, fortissimo nel gioco aereo.

La sua carriera professionistica inizia nel Napoli nella stagione 92/93 dove esordisce in serie A il 16 Maggio 1993 contro il Pescara, entra pure nel giro della Nazionale Under-21 dove disputerà due partite.
Tra il 1993 e il 1994 e il 1996-1997 veste le casacche di Palermo (28 presenze con 2 gol), Savoia (53 presenze con 1 gol) per due anni non consecutivi, con una parentesi di una stagione con 1 presenza nella Pistoiese. Poi, dal 1997 al 2004, diventa una colonna del Bari con 210 presenze in maglia bianco-rossa, coronate con 12 gol. Nel 2004-2005 si trasferisce alla Reggina di mister Mazzarri dove colleziona 67 presenze e 6 gol.  30 agosto 2006 passa al Genoa dove tra B e A disputa 50 partite segnando 8 gol, molti dei quali decisivi.
Gaetano De Rosa e' stato senza dubbio un grande giocatore, un difensore dotato di una tecnica sopraffina, di un'intelligenza calcistica straordinaria, abile nel gioco aereo e ottimo goleador, si e' consacrato nel Bari di Fascetti diventando un colosso difensivo e segnando 12 gol . Un giocatore che si e' distinto anche fuori dal campo avendo delle qualita' umane elevate, un leader in campo e fuori, un allenatore in campo che sfruttava la sua intelligenza tattica mettendola a disposizione della squadra. Il 10 settembre 2008 ha deciso di lasciare la sua carriera calcistica all'età di 35 anni
Ecco una sintesi della sua brillantissima carriera:
1992-1993  Napoli  3 presenze 0 reti
1993-1994: Palermo 28 presenze  2 reti
1994- 1995: Napoli  0 presenze  0 reti
1995: Pistoiese  1 presenza
1995-1997: Savoia  53 presenze  1 rete
1997-2004: Bari  212 presenze 12 reti
2004-2006: Reggina  67 presenze 6 reti
2006-2008: Genoa  50 presenze  8 reti

Nessun commento: