PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

lunedì 3 settembre 2012

BRANDIZZO, DOPO TAURISANO ECCO ZAMMATARO


Dopo gli ultimi colpi del calibro di Federico Nigro, Stefano Taurisano e Christian Zammataro, la campagna acquisti degli Esordienti del Brandizzo è chiusa. Mi ritengo molto soddisfatto della squadra che ho a disposizione.
La stagione è appena iniziata, qualche ragazzo si è aggregato ora e durante gli allenamenti sto cercando di valutare con attenzione le caratteristiche di ogni ragazzo.
Sarà una stagione molto intensa, i ragazzi hanno la mia totale fiducia ma sanno bene cosa pretendo da loro. Ringrazio il dirigente responsabile Damiano Daniele che dà tutto se stesso per fare in modo che tutto funzioni nella maniera migliore, ringrazio il responsabile Lorenzo Gerbaudo per la massima disponibilità dentro e fuori dal campo, e infine ringrazio il dirigente Bruno Ciconte per belle parole spese per me durante la scorsa stagione.
Tutti uniti verso un'unica direzione: la crescita dei ragazzi sotto ogni aspetto, tecnico e umano su tutti.

Nessun commento: