PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

martedì 27 novembre 2012

IL 4-2-3-1 ALLA BASE DEL CALCIO MODERNO

Inizio col dire che non esistono 2 moduli uguali, non credo ai moduli speculari, sono le interpretazioni che cambiano, come i movimenti, il pressing, la costruzione del gioco, la difesa alta o bassa, questo per dire che non esistono due 4 4 2 uguali, ognuno è interpretato in maniera diversa a seconda del tecnico che guida la squadra.
In un calcio in continua evoluzione ritengo il 4 - 2 - 3 - 1 il miglior modulo per costruire e proporre gioco, questo perchè ci troviamo ad avere 2 costruttori di gioco, uno basso davanti alla difesa, 1 alto dietro la punta, altri sbocchi sono i 2 esterni difensivi e i 2 esterni alti.
Il 4 - 2 - 3 - 1 è il modulo più usato in Spagna e Germania, ci permette di avere una copertura del campo totale sia in ampiezza che in profondità, in fase di possesso i 4 giocatori offensivi danno moltissime soluzioni di gioco ai compagni, senza considerare l'inserimento di uno dei 2 centrocampisti centrali e di un esterno basso. E' un modulo che ci consente di concludere l'azione portando in area avversaria ben 6 giocatori. In caso di transizione negativa, (perdita del pallone in fase offensiva) l'equilibrio è garantito dal mediano che protegge la difesa che in questo caso ha il compito di rallentare l'azione avversaria e far rientrare i compagni che andranno subito alla ricerca della palla.

Il 4-2-3-1 è l'evoluzione del 4-4-1-1, cosa cambia da quest'ultimo? I 2 esterni alti sono delle vere e proprie punte molto brave nell'1 contro 1 e abili in zona gol, in fase di non possesso i 2 mediani davanti alla difesa coprono tutto il campio in ampiezza andando anche a raddoppiare sui terzini lasciando liberi le ali d'attacco per sfruttare una possibile transizione positiva (recupero della palla).
Non cambiano le consegne per i 4 difensori che disposti a zona hanno il compito di tenere la squadra corta, effettuare un buon elastico difensivo e contribuire con gli esterni alla costruzione del gioco.
I migliori interpreti di questo modulo sono il Real Madrid e il Borussia Dortmund, qualche anno fa con questo sistema di gioco l'Inter vinse la Champions League, mentre l'anno scorso questo modulo fece la fortuna del Bayern Monaco che sfiorò la Champions persa solo ai calci di rigore contro il Chelsea.

Nessun commento: