PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

mercoledì 30 aprile 2014

LA DISFATTA DEL BAYERN

Non posso accettare risultati che vanno oltre un doppio vantaggio in una semifinale di Champions League dove tutte le concorrenti dovrebbero giocarsi la qualificazione fino all'ultimo secondo. E invece ieri a Monaco, il Real Madrid ha archiviato la qualificazione dopo soli 20 minuti.
Le cause: una linea difensiva troppo alta tenendo conto della velocità degli attaccanti del Real, una palla sempre scoperta a metà campo dove i 3 mediani non sono stati mai capaci di ricucire il gioco. E poi ancora, troppa fragilità sulle palla inattive, segno che il giocattolo non funziona a dovere, e se nella Bundesliga un errore può essere recuperato, in Champions una sola svista può essere fatale. Guardiola dovrà cambiare filosofia di gioco, perchè una squadra ultra offensiva deve avere ottimi palleggiatori in mezzo al campo, e siccome gli interpreti non sono Xavi, Iniesta e Messi, sarà meglio modificare qualcosa.

Nessun commento: