PREMESSA

PREMESSA

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

mercoledì 31 ottobre 2012

FABIO CASERTA, UN CAMPIONE DENTRO E FUORI DAL CAMPO

Dalla Terza Categoria alla Serie A, passando per Eccellenza, Serie D, C2 e Serie B.
Un lungo cammino per il ragazzo di Melito Porto Salvo che ieri ha finalmente coronato il sogno di far gol alla squadra che non l'ha mai voluto, la Reggina. Eppure Fabio a Reggio sarebbe andato a giocare anche a piedi.
Vado con ordine, quando Caserta giocava a Barcellona Pozzo di Gotto è stato più volte offerto alla Reggina, ricordo ancora quante persone si sono mosse per far approdare Fabio nella squadra della sua città, eppure la società di Via delle Industrie non l'ha mai considerato trattandolo come un giocatore di quarta serie che mai avrebbe cavalcato i campi dei calcio che conta.
Il Presidente Pulvirenti lo portò a Catania dove Caserta mise in mostra tutto il suo valore. Fu un colpo al cuore per Lillo Foti che capì di aver commesso un grosso errore.
Intanto il ragazzo di Melito si guadagnava gli applausi della platea con giocate spettacolari, le sue esibizioni non passarono inosservate al Presidente Zamparini che lo portò a Palermo. Poi Lecce, Atalanta e Cesena sempre in Serie A. Dall'anno scorso Fabio Caserta indossa la maglia della Juve Stabia in Serie B.

martedì 30 ottobre 2012

LA NUOVA TENDENZA DELLA DIFESA A 3


Dopo Napoli, Juventus e Inter stasera a Palermo anche il Milan ha schierato la difesa a 3, una moda che per molti rappresenta un nuovo modello vincente, in realtà il 3 - 5 - 2 non è altro che uno schema prettamente difensivo adottato da sempre dalle squadre più deboli per compensare l'enorme gap tecnico contro le squadre di un certo livello.
Purtroppo in Italia il livello si è abbassato di molto, la qualità è carente, le big non esistono più, e dunque parlare di un modello vincente sarebbe un paradosso.
E' vero che la Juventus non perde da 48 giornate, ma è anche vero che il campionato italiano ha avuto una costante perdita di quei valori tecnici che in passato potevamo ammirare, non esistono più infatti le corazzate, i campioni sono andati a giocare all'estero, vedasi Del Piero, Eto'o, Ibrahimovic, Maicon, T. Silva, Seedorf, Lavezzi, Kaka, Balotelli.

ESORDIENTI: VENTESIMA PROPOSTA DI ALLENAMENTO


lunedì 29 ottobre 2012

PASSAGGIO, RICEZIONE, CONTROLLO......


E' inutile passare ore e ore a insegnare i movimenti, le diagonali difensive, l' elastico difensivo, i tagli, le sponde, le linee di gioco, ecc., se i giocatori non hanno la padronanza della
tecnica dei fondamentali per :

1 fare un passaggio corto o lungo che sia...con precisione,
2 ricevere  un passaggio e quindi controllare il pallone,
3 smarcarsi con i tempi e soprattutto negli spazi giusti.

Devi far capire ai giocatori, qualunque ruolo occupano in campo, che per migliorare il passaggio, il controllo e lo smarcamento, l'attenzione e la concentrazione dei giocatori che ci devono
mettere verso questi 3 gesti, risulta fondamentale già a partire dall'allenamento settimanale.

Solo dopo aver fatto comprendere per bene questi concetti ai tuoi giocatori potrai iniziare ad approfondire la costruzione di gioco e il resto.

Bene, nella speranza che io sia stato chiaro e comprensibile, vi auguro una buona giornata.

domenica 28 ottobre 2012

PASSAGGIO ALL'INDIETRO, UN SEGNALE PER LE PUNTE


Il passaggio all'indietro durante il possesso palla in una partita di calcio, si usa principalmente quando si è chiusi in una certa zona di campo: di solito nelle zone laterali oppure quando si vuole
evitare la trappola del fuorigioco.

Il passaggio all'indietro, che viene effettuato dal giocatore in possesso della palla al giocatore che sta a sostegno, è un SEGNALE (tempo di gioco)  per gli altri compagni che in questo modo sapranno che la palla sarà calciata di prima e non di seconda, cioè stop e passaggio.

venerdì 26 ottobre 2012

ESORDIENTI: DICIANNOVESIMA PROPOSTA DI ALLENAMENTO


LA COSTRUZIONE DEL GIOCO DEL DIFENSORE


Secondo te il difensore deve saper anche costruire?

Questa è una delle domande che si fanno la maggior parte degli allenatori che allenano nei dilettanti.

Prima di tutto occorre fare una distinzione tra i difensori esterni e quelli centrali. Naturalmente i due ruoli impongono caratteristiche tecnico-tattiche diverse tra di loro.
Per esempio chi agisce sulle corsie esterne oltre ad avere caratteristiche diverse ha anche compiti difensivi e offensivi diversi.

Certo se tu allenassi nei professionisti la mia risposta alla domanda iniziale sarebbe SI, i difensori devono anche saper impostare un'azione di costruzione.
Ma mi rendo conto che nei dilettanti, soprattutto dalla promozione in giù è difficile trovare giocatori tecnicamente bravi da chiedere loro di impostare l'azione a partire dalla rimessa del portiere.

giovedì 25 ottobre 2012

COSA DEVO FARE SE.......


************************************************
SUL CROSS O SU CALCIO D'ANGOLO: COSA DEVE FARE
************************************************

Se l'attaccante parte da fuori area è bene che il difensore stia staccato da lui circa 1,5 metri.

Questo trucco lo si applica perchè in questa maniera si riesce a seguirlo con il tempo e la velocità giusta e quindi si riesce a marcarlo in modo corretto quando questi decide di entrare in area.

martedì 23 ottobre 2012

SVILUPPO DEL GIOCO


Ciao, come sai, la costruzione dell'azione ha inizio quando la palla viene conquistata:
nella nostra zona difensiva, oppure, nella zona di centrocampo o nella zona assist.

Lo sviluppo di una azione offensiva varia notevolmente a seconda delle zone del campo o dei settori in cui essa viene sviluppata.

C'è differenza, ad esempio, tra fare uno scorrimento di palla nella zona d'attacco per linee orizzontali o farlo nei pressi dell'area di difesa; siamo tutti concordi nel dire che farlo nel reparto
difensivo si correranno dei rischi di cui, alla fine, potremmo subire delle conseguenze negative.

ESORDIENTI: DICIOTTESIMA PROPOSTA DI ALLENAMENTO


mercoledì 17 ottobre 2012

ESERCIZI MOURINHO

ASSOCIAZIONE ALLENATORI PIEMONTE


E’ nata l’ASSOCIAZIONE ALLENATORI PIEMONTE per contribuire fattivamente e con modalità del tutto nuove alla crescita, alla formazione ed all’aggiornamento  ed al miglioramento delle condizioni professionali della categoria nonché per intensificarne  il senso di appartenenza e lo spirito  di  “ SQUADRA”, attraverso il perseguimento di mirati e qualificati obiettivi. Ne elenchiamo solo alcuni:

-          Abolizione dei corsi speciali e ad invito;

-          Introduzione del principio del concorso per titoli ed esami per l’accesso ai corsi;

-          Incremento della quota spettante agli allenatori operanti nei dilettanti nell’accesso al corso di seconda categoria elevando la soglia al 50%;

domenica 14 ottobre 2012

TORNEO DI ROSTA: LE VINCITRICI

Si è concluso il Torneo di Rosta, la migliore competizione di tutte a livello Scuola Calcio, nella categoria 2000 l'ha spuntata il Torino che in finale ha battuto il Napoli. Nella categoria 2001 l'Udinese ha battuto il Bologna ai calci di rigore per 7 a 2, mentre nella categoria 2002 la Juventus ha battuto l'Udinese per 1 a 0.
Nei 2003 ancora Juve Udinese in finale, vincono i bianconeri di Torino per 3 a 2.
Nei pulcini 2004 i tedeschi del Borussia Dortmund battono il Milan per 2 a 0, chiude la categoria 2005 dove alza la coppa più grande il Cbs che batte la Mappanese per 4 a 1.

2000: TORINO - NAPOLI 1 a 0
2001: UDINESE - BOLOGNA 7 a 6 dcr
2002: JUVENTUS - UDINESE 1 a 0
2003: JUVENTUS - UDINESE 3 a 2
2004: BORUSSIA D. - MILAN 2 a 0
2005: CBS - MAPPANESE 5 a 1

BRANDIZZO: TERZO POSTO AL TORNEO LA ZUCCA


CLICCA QUI PER LEGGERE: Si conclude con un buon terzo posto il torneo di casa della Zucca, nel pomeriggio la finale per il terzo e quarto posto ha regalato emozi...

lunedì 8 ottobre 2012

TORNEO LA ZUCCA: FINALE REAL CANAVESE - IVREA

Saranno le 2 squadre del Canavese a contendersi il Torneo Zucca organizzato dall'Asd Brandizzo. La finalina per il terzo e quarto posto vedrà di fronte Brandizzo e Montaltese.

Il risultato maturato in semifinale contro il Real Canavese è lo specchio di una giornata nata male e finita peggio: mi ritengo molto soddisfatto dei ragazzi che ho a disposizione e nell'arco della stagione dimostreremo i reali valori di questa squadra.
In questo torneo abbiamo pagato a caro prezzo un terreno di gioco a limite della praticabilità, e per una squadra poco fisica ma molto tecnica come la mia giocare a calcio diventa difficile.
Sono convinto che lavorando sodo in allenamento si può solo migliorare, del resto è una squadra nuova e deve ancora assemblarsi. 
Certo, dispiace non aver vinto questo torneo, ma il calcio insegna che niente è scontato, ed anche le grandi favorite a volte fanno cilecca.
La stagione però è solo agli inizi, e noi saremo pronti a dare battaglia già dalla prossima partita.
Lo stato d'animo è quello di un leone, Re della Savana, aggressivo e feroce, pronto ad imporre il suo dominio, consapevole di essere il numero 1, sempre.