PREMESSA

PREMESSA

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

domenica 30 ottobre 2011

IL BARCA VOLA, BATTUTO IL CENISIA PER 1 a 0


Torino 30 ottobre 2011 -  Grande prestazione dei miei ragazzi che questa mattina al campo di via Occimiano hanno battuto il forte Cenisia per 1 a 0, gol di Carminati su calcio di punizione.
Oggi oltre al risultato ho potuto ammirare anche una buona prestazione, segno che il lavoro svolto durante gli allenamenti comincia a pagare.
I ragazzi hanno interpretato al meglio i miei suggerimenti, sono stati compatti e concreti.

In questa settimana abbiamo curato in modo particolare la parte atletica e coordinativa, inoltre abbiamo improntato ogni allenamento su rapidità e velocità, e devo dire che in campo corriamo più degli avversari.

sabato 29 ottobre 2011


BRESCIA - REGGINA 0- 3

Marcatori: 41’ Ceravolo su rig. (R), 60’ N.Viola (R), 90’ Ragusa (R)

BRESCIA 4-3-3: Leali, Zambelli, Dallamano, Magli (54’ Cordova), Daprela, Vass, Salomon, Budel, Juan Antonio, El Kaddouri (54’ Ramos), Feczesin (68’ Maccan). A disposizione: Arcari, Mandorlini, Paghera, Scaglia. Allenatore: G.Scienza.
 
REGGINA 3-5-2: Kovacsik, Adejo, Emerson, A. Marino, Colombo, N. Viola (84’ Barillà), Castiglia (61’ De Rose), Rizzato, Missiroli, Ragusa, Ceravolo (77’ Bonazzoli). A disposizione: Leone, Cosenza, D'Alessandro, Rizzo. Allenatore: R. Breda.
 
Arbitro: Sig. Ciampi di Roma

Ammoniti: 40’ Leali (B), 53’ Adejo (R), 66’ Dallamano (B)

Note: Kovacsik para i rigori di Feczesic al 16’ e di Budel al 84’.

Esordienti 2000, il Dirigente Responsabile Tricarico suona la carica: "Col Cenisia per vincere".

Il Dirigente Responsabile Vincenzo Tricarico
Torino 29 ottobre 2011 - E' una vigilia calda quella che si respira in casa Barca, gli Esordienti 2000 domani affronteranno in casa l'ostico Cenisia, sarà una partita dalla difficile interpretazione tattica vista la caratura degli avversari, in più i padroni di casa dovranno fare a meno del forte attaccante Chinaglia fermato da un attacco influenzale.
Torna invece a disposizione del Mister Ligato il roccioso centrocampista Fabio Granato pronto a dare battaglia nella zona nevralgica del campo.
Dopo la beffa finale contro l'Accademia Inter la compagine di Ligato vuole tornare alla vittoria per riappropriarsi della vetta della classifica, non sarà facile ma il Dirigente Responsabile Tricarico, passato in rassegna nell'allenamento di rifinitura, ha voluto suonare la carica in vista del difficile match di domani: "I nostri colori e la nostra storia ci impongono di giocare sempre per vincere, siamo consapevoli che il Cenisia è una buona squadra ma noi abbiamo le qualità giuste per conquistare i 3 punti. Se dovessi fare un nome su chi potrebbe risolvere la partita direi Wodje, un attaccante rapido e imprendibile con un ottimo senso del gol". Tricarico conclude con una battuta: "domani torna l'ora solare e le lancette andranno avanti di un ora, noi invece dobbiamo andare avanti di 3 punti".

domenica 23 ottobre 2011

OBIETTIVI ESORDIENTI


Durante questa fascia d'età la resistenza è la capacità condizionale di base che risente meno dello sviluppo puberale del ragazzo. Si assiste alla riduzione della capacità di equilibrio ed alla difficoltà di movimento. Per contro, si ha un incremento della forza, in particolare della forza esplosiva, ed una aumento della rapidità.

La sfera socio - affettiva mette in risalto l'incremento dell'autostima, lo sviluppo delle capacità di autocritica e l'importanza di sentirsi accettati dal gruppo e quindi il senso di appartenenza.
Aumentano le capacità di collaborare da parte del ragazzo.

Dal punto di vista socio-affettivo, i principali obiettivi da perseguire sono quindi rappresentati da:
- sicurezza di sé e delle proprie capacità;
- rispetto e cooperazione con i coetanei.

Le capacità coordinative e condizionali che dobbiamo sviluppare dovrebbero essere rappresentate da: combinazione, differenziazione, equilibrio, adattamento e trasformazione, organizzazione spazio-temporale, rapidità, forza veloce, mobilità articolare, capacità senso-percettive e schemi motori.

Alla fine del ciclo formativo il ragazzo dovrà essere in grado di conoscere le regole fondamentali del gioco, di acquisire i princìpi fondamentali di attacco e difesa (attacco: possesso della palla, profondità e capacità di conclusione; difesa: rallentare l'azione dell'avversario e scaglionamento), di sviluppare le capacità di dominio della palla ed aumentare il bagaglio tecnico generale.

ESORDIENTI 2000: BARCANOVA - ACCADEMIA INTER 1 - 1

Un gol dell'Inter a tempo scaduto vanifica i sogni di gloria dei miei ragazzi che comunque hanno dimostrato di poter giocare alla pari contro qualsiasi avversario.


Torino 23 ottobre 2011 -  L'impresa è stata accarezzata per tanti minuti, la vittoria sembrava ormai cosa fatta, invece all'ultimo secondo è arrivato l'inaspettato pareggio dell'Accademia Inter, società sportiva trapiantata a Torino ma che fa parte a tutti gli effetti del settore giovanile dell'Inter.

Prendere gol allo scadere è sempre una batosta per tutti, il pareggio di oggi però ha un sapore ben diverso, anche perchè ottenuto contro una grande squadra, e per questo faccio i complimenti ai miei ragazzi, dal primo all'ultimo, che hanno interpretato al meglio la partita sfiorando addirittura l'impresa.

sabato 22 ottobre 2011


REGGINA – VARESE 3 – 2
Marcatori: 30’ Ragusa (R), 48’ Missiroli su rig. (R), 58’ Figliomeni (V), 85’ Colombo (R), 92’ De Luca (V)
REGGINA: P. Marino, Adejo, Emerson, A. Marino, Colombo, Castiglia (70’ Rizzo), N. Viola, Rizzato, Missiroli, Ragusa, Ceravolo (61’ Barillà). A dispozione: Kovacsik, Cosenza, De Rose, Sarno, A. Viola. Allenatore: Breda.
VARESE 4-4-2: Bressan, Cacciatore, Troest, Figliomeni, Grillo, Zecchin (53’ Nadarevic), Corti, Kurtic, Carrozza (68’ De Luca), Neto Pereira, Cellini (53’ Martinetti). A disposizione: Moreau, Terlizzi, Pucino, Filipe. Allenatore: Maran.
Arbitro: Sig. Calvarese di Teramo
Ammoniti: 38’ Colombo (R), 92’ Corti (V)
Espulso: 94’ Figliomeni (V)

mercoledì 19 ottobre 2011

Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada, lì ricomincia la storia del calcio.

domenica 16 ottobre 2011

LUCENTO - BARCANOVA 0 - 2: Gli Esordienti 2000 secondo gruppo volano

Torino 16 ottobre 2011 - La vittoria fa sorridere tutti: dirigenti, allenatore, genitori, ma soprattutto gratifica i protagonisti, mi riferisco ai miei ragazzi che oggi hanno espugnato il difficile campo del Lucento.
Non è stata una partita facile, tutt'altro, vincere fuori casa è sempre un'impresa, noi ce l'abbiamo fatta, abbiamo vinto 2 a 0 direi meritatamente, e torniamo a casa con i 3 punti sul groppone.

sabato 15 ottobre 2011

REGOLE PER I GENITORI

La presenza degli adulti, e più specificatamente dei genitori, è una componente irrinunciabile delle partite di calcio giovanile. A volte, però, la loro partecipazione, travalica quelle che sono alcune regole importanti che sarebbe utile tenere sempre ben presenti: si ritiene opportuno riassumerle brevemente qui di seguito, lasciando al buon senso di tutti (dirigenti e tecnici compresi) la loro applicazione.

1. Ricordare che l’attività è svolta da un bambino e non da un adulto.

2. Non decidere troppo per lui.

3. Non interferire con l’allenatore nelle scelte tecniche, evitando anche di darne giudizi in pubblico (in caso di episodi ritenuti gravi, rivolgersi in società).

4. Non rimarcare troppo al bambino una partita mal giocata o quant’altro, evitando di generare in lui ansia da prestazione (non bisogna essere né ipercritici, né troppo accondiscendenti alle sue richieste, spesso solo capricci).

5. Incitare sempre il bambino a migliorarsi, facendogli capire che l’impegno in allenamento in futuro premierà (rendendolo gradatamente consapevole che, come a scuola, per fare bene occorre un impegno serio).

6. Abituare il bambino a farsi la doccia, legarsi le scarpe e portare la borsa da solo (rendendolo piano piano autosufficiente).

7. Non entrare nel recinto di gioco e nello spogliatoio.

8. Controllarsi durante le partite: un tifo eccessivo è diseducativo per i bambini e nuoce all’immagine della società.

9. Ascoltare il bambino e vedere se quando torna a casa da un allenamento o da una partita è felice.

10. Ricordare che sia i compagni che gli avversari del proprio bambino, sono bambini a loro volta e pertanto vanno rispettati quanto lui e non offesi.

11. Rispettare l’arbitro e non offenderlo: molto spesso gli arbitri sono dei dirigenti e anche loro genitori che stanno aiutando il calcio giovanile e tutti possono sbagliare.

12. Ricordarsi che non sempre l’erba del vicino è davvero più verde: pertanto, prima di criticare l’operato della società cercare di capire, chiedendo direttamente spiegazioni ai dirigenti responsabili di eventuali scelte ritenute ingiuste..

LIVORNO - REGGINA 0 - 2

Marcatori: 50’ Ceravolo (R), 80’ Ragusa (R)

LIVORNO 4-1-4-1: Mazzoni, Perticone, Bernardini, Miglionico (75’ Rampi), Lambrughi, Schiattarella (61’ Barone), Luci, Genevier, Belingheri (51’ Dell’Agnello), Piccolo, Paulinho. A disposizione: Bardi, Filkor, Bigazzi, Salviato. Allenatore: Novellino.

REGGINA 3-5-1-1: P. Marino; Adejo, Emerson, A.Marino, D'Alessandro, Rizzo, N.Viola (76’ De Rose), Barillà (83’ Castiglia), Rizzato, Missiroli, Ceravolo (67’ Ragusa). A disposizione: Kovacsik, Cosenza, Colombo, A.Viola, Ragusa. Allenatore: Breda.
 
Arbitro: Sig. Massa di Imperia
 
Ammoniti: 32’ D’Alessandro (R), 33’ Genevier (L), 55’ Barillà (R), 92’ Rizzato (R)
 
Note: Al 9’ Pietro Marino ha respinto un rigore di Paulinho

lunedì 10 ottobre 2011

L'IMPORTANZA DEL PORTIERE

In qualsiasi categoria ed in ogni squadra il portiere riveste un ruolo fondamentale, è lui il perno più importante di una squadra, senza il suo contributo vengono vanificati gli sforzi dei compagni di squadra.
Il portiere deve essere una garanzia, un punto di riferimento per i compagni, e nei momenti difficili del match deve mettere in mostra tutta la sua personalità e il suo carisma al fine di rimandare al mittente le folate offensive degli avversari.

La Reggina ha perso Puggioni e i risultati negativi non si sono fatti attendere, nè Kovacsik nè Marino sono all'altezza di Christian, ma in ogni categoria il portiere rappresenta mezza squadra, partendo dai piccoli amici e finendo in Serie A.

domenica 9 ottobre 2011

REGGINA 3 BARI 1

Marcatori: 5’ Rizzato (R), 9’ Marotta (B), 39’ Ragusa (R), 61’ Ragusa (R)
 
 
REGGINA: P.Marino, Adejo, Emerson, A.Marino, D'Alessandro, Rizzo, N.Viola (80’ Ceravolo), Rizzato, Missiroli, Ragusa (63’ Campagnacci), Bonazzoli (79’ Castiglia). A disposizione: Kovacsik, Bini, Colombo, Cosenza. All.: R.Breda.

BARI: Lamanna, Ceppitelli, Dos Santos, Borghese, Garofalo, Donati, De Falco, Rivas (20’ Defendi), Bogliacino (46’ Caputo), De Paula (70’ Forestieri), Marotta. A disposizione. Koprivec, Gonzales, Kopunek, Polenta. All. V.Torrrente

Ammoniti: 34’ Ceppitelli (B), 48’ Rizzato (R), 64’ P.Marino (R), 65’ De Paula (B)

ESORDIENTI 2000 BARCANOVA - BORGARO 4-1

Torino 9 ottobre 2011 - Ottimo esordio dei miei ragazzi, un 4 a 1 che mi lascia pienamente soddisfatto e che mi consente di lavorare con la squadra in modo sereno cercando di correggere gli errori sia individuali che collettivi nel proseguo delle attività.
Oggi era importante vincere per dare un segnale all'ambiente: il Barca c'è, anche se bisogna migliorare in tutto.
Sono contento per i ragazzi che hanno vinto e convinto anche se sarà compito mio cercare di smorzare l'entusiasmo e farli rimanere con i piedi per terra, perchè oggi è stata vinta solo una battaglia e ogni partita per noi rappresenta finale, dunque da domani si penserà al Lucento con l'obiettivo di vincere tutte le partite.
R.L.

venerdì 7 ottobre 2011

ASCOLI-REGGINA 1-1


ARBITRO CORNUTO

Ascoli: Guarna, Ciofani (4' st Soncin), Peccarisi, Giovannini (10' st Boniperti), Faisca, Gazzola, Di Donato (23' st Parfait), Pederzoli, Tamburini, Papa Waigo, Romeo. A disposizione: Maurantonio, Vitiello, Marchionni, Pasqualini. Allenatore: Castori

Reggina: Marino P., Adejo, Emerson, Marino A., D'Alessandro, Viola N., Castiglia (28' st Barillà), Rizzato, Missiroli, Campagnacci (33' st De Rose), Bonazzoli (23' st Ceravolo). A disposizione: Kovacsik, Cosenza, Colombo, A.Viola. Allenatore: R.Breda.

Arbitro: Gallione di Alessandria. Segni particolari Cornuto.

Marcatori: 4' pt aut. Peccarisi (R), 49' st rig. Papa Waigo (A).

Note- Spettatori 6.000 circa. Ammoniti: Bonazzoli (R), D'Alessandro (R), Soncin (A), Di Donato (A), Adejo (R) e 92' De Rose (R) Espulsi: 38' st Boniperti (A) e 49' st' Barillà (R), entrambi per doppia ammonizione. Angoli: 6-7. Recupero: 0' pt; 4' st.

martedì 4 ottobre 2011

REGGINA - JUVE STABIA 1 - 2

Marcatori: 46’ Missiroli (R), 69’ Sau (J), 87' Raimondi (J)

REGGINA 3-4-1-2: Kovacsik, Adejo, Emerson, A.Marino, Colombo (85’ D’Alessandro), De Rose (76’ Ragusa), Rizzo, Rizzato, Missiroli, Campagnacci (67’ Ceravolo), Bonazzoli. A disposizione: P.Marino, Bini, D'Alessandro, Barillà, N.Viola. Allenatore: R.Breda.

JUVE STABIA 4-4-2: Colombi, Baldanzeddu, Mezavilla, Scognamiglio, Di Cuonzo, Erpen, Cazzola, Scozzarella (58’ Danucci), Zito (54’ Raimondi), Sau, Danilevicius (76’ Davì) . A disposizione: Seculin, Tarantino, Zaza, Maury. Allenatore: P.Braglia

Arbitro: Sig. Palazzino di Ciampino
Ammoniti: 12’ Scozzarella (J), 21’ Mezavilla (J), 47’ Erpen (J)

domenica 2 ottobre 2011

GLI ESORDIENTI 2000 DEL BARCANOVA VINCONO ANCORA

Ancora una coppa portata a casa, questa volta al Torneo di Collegno. C'è molta soddisfazione intorno alla squadra, ritengo questi ragazzi validi e vogliosi di giocare a calcio. Col tempo miglioreremo le varie lacune che ovviamente non mancano in ogni squadra di calcio,
Ringrazio i ragazzi per l'impegno profuso in questi giorni: Amerio, Villari, Giuffrida, Cella, Cipper, La Monaca, Carminati, Gambino, Granato, Camele, Prisco, Marangi, Mennuti, Squillace, Chinaglia, Patrick.
Ringrazio inoltre il dirigente responsabile Tricarico, e i vari dirigenti della squadra: Villari, Granato e Giuffrida, i quali mi danno una grossa mano all'interno dello spogliatoio.
Un pensiero lo rivolgo ai genitori dei ragazzi che fanno tanti sacrifici durante la settimana per garantire ai baby calciatori i 3 allenamenti previsti. Un grazie anche a loro che si stringono sempre intorno alla squadra nei momenti di gioia e dolore.
Bisogna continuare su questa linea, all'insegna di quei valori che il calcio e lo sport in generale  inculcano.