PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

sabato 3 marzo 2012

DISCIPLINA, RISPETTO, IMPEGNO ALLA BASE DI UNA SQUADRA DI CALCIO GIOVANILE

Il calcio è un bellissimo sport inventato dagli inglesi per assecondare i desideri dei più giovani e meno giovani che vogliono passare qualche ora con gli amici all'insegna del divertimento.
In queste poche righe credo di racchiudere il senso di questo sport, anche se oggi assistiamo a vere e proprie esasperazioni di concetti che nulla hanno a che fare col mondo del calcio: business, scommesse, tafferugli.
Per i più grandi il calcio dovrebbe essere una valvola di sfogo alle prese con una vita quotidiana troppo stressante, mentre per i più piccoli deve essere un percorso di formazione caratteriale, sociologico, psicomotorio. Il calcio deve essere un divertimento, un sport che funziona solo se alla base vengono rispettate delle regole, dove tutti devono aver rispetto per tutti, dove la disciplina è prioritaria rispetto alla tecnica, e l'impegno deve essere sempre costante al fine di sottrarre tempo alla play stations e trasformarlo in un momento ludico.

In una generazione dove tutto è dovuto, dove ogni cosa è data per scontata, dove tutti hanno tutto, i ragazzi si avvicinano a questo sport per assecondare la volontà dei papà,  magari calciatori mancati, genitori che vorrebbero colmare il vuoto interiore usando il proprio figlio come oggetto per compensare frustrazioni cronicizzate.
I risultati sono scontati: ragazzi privi di voglia, indisciplinati, casinisti, superficiali, senza spirito di sacrificio, con il corpo al campo e con la mente su facebook.
La soluzione non è facile, tenendo conto di una generazione che sta andando a sfracelli, come dire, se privo mio figlio del cellulare quando l'intera classe scolastica sfodera i più aggiornati iphone, sembro io quello diverso.
Purtroppo le privazioni fanno solo bene ai ragazzi, i quali non sono più abituati a conquistare qualcosa col sudore della fronte, ma vogliono tutto e subito.
Urge porre rimedio, altrimenti tra qualche anno ci troveremo di fronte a delle persone vuote e prive di valori.

Rosario Ligato


Nessun commento: