PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

mercoledì 25 aprile 2012

LA REGINA DEL TORNEO DI RIVALTA E' IL BARCANOVA

Vittoria dedicata al Presidente Giorgio LOVATO

TORINO 25 APRILE 2012: Il calcio  a volte ci regala delle emozioni fantastiche, l'ultima in ordina di tempo è stata provata oggi pomeriggio con la conquista del Torneo di Rivalta. Un onore arrivare primi in una competizione dove le concorrenti prendevano il nome di Biellese, J. Stars, Ivrea, Lascaric ect.
Non è stata una vittoria facile e per questo ancora più bella.
Dopo l'esordio vittorioso contro la J. Stars per 3 a 1, è arrivato il pareggio per 1 a 1 agguantato in extremis contro la Biellese che di fatto ci ha permesso di passare il turno. Nel pomeriggio le finali contro Rivalta e Ivrea in un triangolare all'Italiana. Nella prima partita l'Ivrea ha battuto per 5 a 0 il Rivalta, la seconda partita ha visto i padroni di casa affrontare la nostra squadra, 1 a 1 il risultato finale arrivato all'ultimo secondo di gioco con un colpo di testa dello strepitoso Mennuti.
Contro l'Ivrea la partita finale dove venivano decise le prime posizioni: a loro serviva anche un pareggio per vincere il Torneo, mentre noi dovevamo solo vincere.
L'Inizio del match è stato molto esaltate, prima Granato e poi ancora Mennuti mandavano in delirio i tifosi del Barca, ma il gol dell'Ivrea che accorciava le distanze ci faceva vivere gli ultimi momenti di partita in fibrillazione.
Per fortuna la squadra ha saputo mantenere i nervi saldi e alla fine il trionfo è stato ampiamente meritato. Faccio i complimenti agli amici di Ivrea che pur perdendo la finale hanno dimostrato di saper giocare un ottimo calcio.
Faccio i complimenti ai miei ragazzi i quali hanno dato il massimo delle loro possibilità, il primo posto e la Coppa alzata al cielo a fine partita sarà un ricordo indelebile tatuato nel cuore e nella mente di ognuno di loro. Li ricordo uno per uno: Amerio, Villari, Cella, La Monaca, Granato, Messana, Giuffrida, Chipper, Camele, Marangi, Prisco, Carminati, Gambino, Wodje, Mennuti.
Ringrazio i dirigenti Tricarico, Villari, Giuffrida e Granato i quali hanno svolto un grande lavoro gestionale. Come dire, non ci può essere vittoria senza un grande Staff alle spalle. 
Vorrei dedicare questa vittoria allo Storico Presidente del BarcanovaSalus Giorgio Lovato il quale ha voluto prendersi un po' di tempo lontano dal calcio per decidere il suo futuro. Ecco, spero che questa vittoria possa essere da stimolo per riavvicinarlo nel mondo del calcio e nel suo mondo: il Barcanova.


















1 commento:

Anonimo ha detto...

Bellissime foto e anche il blog