PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

lunedì 11 aprile 2011


Lunedì 11 aprile 2011 - A sei giornate dal temine del campionato il Milan conquista una vittoria importantissima sul difficile campo della Fiorentina e mantiene inalterate le distanze su Napoli e Inter. I rossoneri dimostrano di meritare lo scudetto per la continuità espressa in tutto l'arco del campionato, Allegri è stato bravo a non fallire gli scontri diretti che hanno proiettato la sua squadra in testa alla classifica.
E' uno scudetto cucito per metà sulle maglie rossonere, solo Pato e compagni possono perderlo, ma la condizione di forma dei giocatori fa ben sperare per le restanti 6 partite. Il Milan sta dimostrando di saper gestire la tensione e di non sentire la pressione del Napoli che incalza aspron battuto, la squadra di Mazzarri sta entusiasmando una città, ben 15 mila spettatori di fede partenopea hanno assistito alla vittoria contro il Bologna.
Il Napoli ci crede e cercherà in tutti i modi di raggiungere la capolista vincendo le ultime gare. L'obiettivo Champions è quasi raggiunto, un traguardo importante se consideriamo che il Napoli 6 anni fa era in Serie C.
L'Inter batte il Chievo e rimane la terza della classe: le speranze scudetto sono ridotte a lumicino, 5 punti da recuperare sono come scalare l'Everest in 6 giorni, e poi il Milan non è squadra che fa sperare a rimonte impossibili. Ecco come si perde tutto in 4 giorni, Milan prima e Schalke dopo hanno allontanato 2 obiettivi alla portata dei nerazzurri.
Quarto posto solitario per la Lazio che batte il Parma per 2 a 0, sarà una corsa Champions tutta da seguire: l'Udinese nonostante le 2 sconfitte consecutive è ancora lì, ma è la Roma che in questo momento fa più paura. La squadra di Montella batte l'Udinese  con una doppietta dell'intramontabile Totti e si rilancia in classifica.
In coda ottima vittoria del Lecce che espugna il campo della Sampdoria, l'opinione pubblica ligure sostiene che la squadra non ha attacco, qualcuno mi spieghi cosa sono Maccarone, Biabiany, Pozzi e Macheda. Forse le cessioni di Cassano e Pazzini hanno influito molto a livello psicologico più che tecnico, anche perchè la rosa della Samp così come è oggi vale da metà classifica in su.
Pareggio annunciato tra Cagliari e Brescia, con i sardi ormai salvi i lombardi conquistano un punto che gli permette di sperare ancora nella salvezza.

Risultati della 32esima giornata: 

Inter-Chievo 2-0
Udinese – Roma 1-2
Juventus – Genoa 3-2 
Cagliari – Brescia 1-1
Bari – Catania 1-1
Palermo – Cesena 2-2
Sampdoria – Lecce 1-2
Bologna – Napoli 0-2
Lazio – Parma 2-0
Fiorentina – Milan 1-2

Classifica Serie A: 

Milan pt.68
Napoli pt.65
Inter pt.63
Lazio pt.57
Udinese pt.56
Roma pt.53
Juventus pt.51
Palermo pt.44
Cagliari pt.43
Fiorentina pt.42
Bologna pt.40
Genoa pt.39
Chievo pt.36
Catania pt.36
Lecce pt.34
Parma pt.32
Sampdoria pt.32
Cesena pt.31
Brescia pt.30
Bari pt.21

Rosario Ligato

Nessun commento: