PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

venerdì 22 aprile 2011

Situazione Bari, Reggina, Salernitana e Latina

Spettacolare l'amicizia che lega queste squadre
Il Bari ormai ha poco da chiedere a questo campionato, si pensa già alla prossima stagione. Matarrese sarà ancora il presidente. Bisognerà scegliere l'allenatore adatto per guidare un blasone alla promozione diretta. Mutti ha molte chance di essere riconfermato.
Il gruppo va rinforzato soprattutto in attacco.
La tifoseria è esigente, ritengo che in B il Bari farà un campionato da leader.

La Reggina ha già centrato l'obiettivo salvezza valorizzando i molti giovani che annovera tra le proprie file. Si trova in un'ottima posizione di classifica e visto il lassismo delle avversarie potrebbe rientrare nella lotteria dei play off. Mi sembra che Novara e Varese abbiamo qualcosa in più degli amaranto. Comunque prima di parlare di play off bisogna fare i punti necessari per arrivarci.


La Salernitana vuole la Serie B. Lo dovrà fare attraverso i play off perchè il Gubbio è irraggiungibile.  Domani a Ravenna sarà una partita difficile ma non impossibile. La squadra di Breda ha tutto per poter conquistare la cadetteria aiutata da un pubblico eccezionale.


Il Latina è vicino alla Prima Divisione: solo 3 partite separano la compagine di mister Sanderra dalla promozione. Domani un turno importante: il Latina dovrebbe battere il Brindisi mentre il Trapani andrà a giocare sul difficile campo di Avellino. La promozione è ormai vicina e siamo tutti pronti a festeggiare con gli amici di Latina.

Nessun commento: