PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

sabato 9 aprile 2011

Serie B: Delusione Reggina. Brutta sconfitta in casa contro il Cittadella


Reggio Calabria 9 aprile 2011 - Il Siena vince per due a zero contro il Vicenza (doppietta di Sestu) e torna in testa alla classifica del campionato cadetto in attesa del posticipo di lunedì sera tra Modena e Atalanta. Due le vittorie in trasferta nella 35esima giornata di Serie B, quella del Pescara a Piacenza, due a zero, e quella del Torino contro l'AlbinoLeffe per due a uno. I granata ottengono la vittoria che li porta al quinto posto solitario grazie ad una rete all'87esimo di Antenucci. Prima rete granata di Pagano, pareggio di Sala per l'AlbinoLeffe. Importante vittoria interna per il Varese che batte tre a uno il Grosseto e si porta ad un solo punto dal Novara terzo in classifica che ha pareggiato zero a zero ad Empoli nell'anticipo di ieri. 
La Reggina si è persa. Come nel girone di andata, la squadra di Atzori è caduta in uno stato di torpore ed apatia che rischia di compromettere la stagione. Ed allora la sesta partita senza vittoria, coincisa con un pesantissimo ko interno contro il Cittadella (seconda sconfitta in tutta la stagione al Granillo) rischia di marchiare a fuoco all’insegna dell’incompiutezza la stagione amaranto: e non può bastare l’alibi delle due reti annullate per dubbie posizioni di fuorigioco. Per il Cittadella invece la terza vittoria esterna della stagione conferma la bontà del lavoro di Foscarini e fa fare un balzo forse decisivo in chiave salvezza superando Albinoleffe e Portogruaro. Amaranto colpiti a freddo dalla ripartenza di Piovaccari, che al 9’ brucia in velocità Acerbi e supera Puggioni con un bel diagonale appaiando Cacia al comando della classifica cannonieri con diciassette reti. Ci mette un po’ a reagire la squadra di Atzori che fa circolare palla troppo lentamente ed assedia Villanova solo nel finale di tempo ma il portiere salva tutto su Campagnacci mentre poi viene salvato dal guardalinee che annulla per un fuorigioco molto dubbio il pareggio di Sarno. Ripresa più convinta e veloce dei padroni di casa anche grazie al passaggio alla difesa a quattro dopo l’ingresso di De Rose per Adejo: il centrocampo prende in mano le redini della partita e le occasioni arrivano. Alessio Viola spedisce alto di testa da buona posizione su cross di Colombo poi nel finale Acerbi mette dentro in mischia ma Candussio annulla: dopo la carambola tra Villanova ed il palo seguita al colpo di testa di Campagnacci, il difensore si troverebbe in millemetrico fuorigioco. E ad Atzori rimangono solo le recriminazioni.

Reggina-Cittadella 0-1

Marcatori: 9’ Piovaccari

Reggina: Puggioni; Adejo (56’ De Rose), Cosenza, Acerbi; Riccardo Colombo, Rizzo (77’ Castiglia), N. Viola, Rizzato; Sarno (67’ A. Viola); Bonazzoli, Campagnacci. (Kovacsik, Costa, Laverone, Montiel). All.: G. Atzori.

Cittadella: Villanova; Manucci, Nocentini, Gorini (90’ Musso), Marchesan; Job (82’ Giordano), G. Volpe (86’ Melucci), D. Dalla Bona, Di Roberto; Piovaccari, Nassi. (Pierobon, Carra, R. Perna, Gabbiadini). All.: C. Foscarini.

Arbitro: Candussio (Cervignano del Friuli)

Ammoniti: Cosenza, Rizzo, Gorini, Manucci e Nocentini.

Risultati della 35esima giornata:

Empoli-Novara 0-0
AlbinoLeffe-Torino 1-2
Ascoli-Sassuolo 0-0
Crotone-Frosinone 4-1
Padova-Portogruaro 3-1
Piacenza-Pescara 0-2
Reggina-Cittadella 0-1
Siena-Vicenza 2-0
Triestina-Livorno 0-0
Varese-Grosseto 3-1
Modena-Atalanta post. 

Classifica: 

Siena pt.69
Atalanta pt.67*
Novara pt.59
Varese pt.58
Torino pt.50
Reggina pt.49
Vicenza pt.48
Pescara pt.48
Livorno pt.46
Modena pt.45*
Padova pt.45
Empoli pt.45
Grosseto pt.44
Crotone pt.43
Piacenza pt.41
Sassuolo pt.41
Cittadella pt.40
AlbinoLeffe pt.39
Ascoli pt.37
Portogruaro pt.37
Frosinone pt.33
Triestina pt.31 
*una partita in meno

Rosario Ligato

Nessun commento: