PREMESSA

PREMESSA

DIVENTARE CAMPIONI

"La tecnica è una cosa che impari da piccolo, giocando, provando e riprovando. Non te la insegna un allenatore.
Il percorso che faceva il campione, o comunque il buon giocatore, fino a qualche anno fa era questo: dai cinque ai tredici anni è gioco, in cui, che sia un muro o degli amici, prendevi confidenza con il pallone; dopo incontravi l’allenatore, che ti insegnava come si stava in uno spogliatoio, in un gruppo e le regole.
Ti eri già fatto un bagaglio di gesti e di tecnica importante: i ragazzi che noi cresciamo hanno dei limiti. Ad esempio, pochissimi oggi sanno giocare indistintamente sia con il destro che con il sinistro, eppure fanno allenamenti tutti i giorni ricercando la tecnica con entrambi i piedi. Questo accade perché abbiamo perso il vero momento in cui si impara la tecnica, abbiamo perso la competizione. I ragazzi di oggi sono ben messi fisicamente, ma hanno questi limiti tecnici: non parlo di gesti, parlo di una fantasia che non è mai stata incentivata. A noi non manca il calciatore che stoppa la palla o fa un passaggio correttamente, noi abbiamo bisogno della giocata che ci cambia la partita”.

CITAZIONE

Non sono gli Esercizi che fanno migliorare un giocatore, sono i Giocatori che fanno migliorare un Esercizio. RL

sabato 21 maggio 2011

GRAZIE REGGINA

Non è successo niente, siamo ancora in Serie B, ma oggi per me è una giornata importante: abbiamo conquistato i play off aritmeticamente, nessuno avrebbe scommesso un euro, nemmeno molti tifuosi reggini che da sempre criticano il Nostro Presidente Foti. Beh, la risposta l'ha data il campo, non aggiungo altro perchè potrei abbassarmi ai livelli di chi ha disprezzato e offeso sua maestà Lillo Foti. Sono soddisfatto, mi sento un vero tifoso amaranto perchè ammetto che senza il Buon Lillo la Reggina sarebbe sparita da ogni categoria.
Invece no, siamo ancori qui a guardare una partita di Serie B, ad andare su campi importanti e invadere il settori ospiti, a confrontarci con dei campioni della categoria, noi, 4 ragazzi presi dal Pavia, dal Giulianova, dal Cosenza. A posteriori però, gridiamo tutti forza Reggina, e allora no, dove ti sei passato l'estate bello mio vai a passarti anche l'inverno. Con affetto Rosario Ligato


REGGINA: Puggioni; Costa, Cosenza, Acerbi; Laverone, Rizzo, Tedesco, Rizzato; Danti (dal 60′ Castiglia), Campagnacci (dal 72′ A.Viola);  Bonazzoli. A disposizione: Kovacsik, Giosa, De Rose, N.Viola,  Zizzari. Allenatore: Atzori.

ASCOLI: Guarna; Ciofani (dal 61′ Cristiano) , Faisca, Marino, Calderoni; Di Donato (dal 76′  Cristiano), Pederzoli, Moretti; Giorgi, Lupoli (dal 65′ Mendicino), Feczsin. A disposizione: Maurantonio, Uliano, Micolucci, Antonio. Allenatore: Castori.

Nessun commento: